COME PREVENIRE L’OSTEOPOROSI

LA CAUSA DELL’OSTEOPOROSI: LA CARENZA DI CALCIO

L’osteoporosi  si presenta spesso durante la menopausa, ma anche in vari altri momenti della vita. La menopausa – evento di per sé del tutto fisiologico – non può però essere la principale causa dell’osteoporosi, ma se mai ne è  la causa scatenante. La vera causa di questa malattia così debilitante non può essere che una carenza nel corpo dell’elemento fondamentale che costituisce l’osso, il calcio. Ma come può instaurarsi nella vita una graduale carenza di calcio ? A questa domanda rispondo con certezza: si instaura quando si consuma abitualmente per molti anni il principale “ladro di calcio”, lo zucchero raffinato.

osteoporosi

IL LADRO DI CALCIO, LO ZUCCHERO RAFFINATO

Sotto l’aspetto quantitativo, tra i principali alimenti che compaiono sulla nostra tavola, lo zucchero raffinato è di gran lunga il più dannoso per la salute, non tanto per quello che contiene, ma soprattutto per quello che non contiene. Infatti esso da un punto di vista chimico non è altro che saccarosio puro: delle cento altre preziose sostanze – quali carboidrati, vitamine, sali minerali, oligoelementi, enzimi, aromi – che erano contenute nei vegetali dai quali è stato estratto – principalmente la barbabietola e la canna da zucchero – non è rimasta più traccia. Sono state tutte eliminate per isolare il componente più dolce e più gradevole al palato, il saccarosio appunto.

Il nostro organismo ha però assoluto bisogno di quelle cento sostanze, alcune delle quali costituiscono vari enzimi che regolano il metabolismo: il calcio, ad esempio, è un importante costituente di alcuni di questi enzimi che sono assolutamente indispensabili alla vita. Così, se l’abituale consumo di zucchero dura molti anni, la carenza di calcio diviene così cospicua, che il corpo, per poter continuare a sintetizzare gli enzimi, si trova costretto ad andare a prenderlo dalla più abbondante riserva di calcio che abbiamo in noi, le ossa. Si instaura così una progressiva distruzione del tessuto osseo, l’osteoporosi appunto.

TROPPO ZUCCHERO NELLA NOSTRA DIETA

L’osteoporosi provocata dallo zucchero non si instaura certamente quando ne consumiamo piccole quantità, ma quando ne mangiamo – spesso senza rendercene conto – decine e decine di grammi al giorno. Se ci limitassimo ad uno o due cucchiaini al giorno nel caffè, il danno sarebbe quasi nullo. Pensiamo piuttosto alla enorme quantità di zucchero che viene aggiunta dall’industria alimentare, ed anche nella cucina casalinga, ad una miriade di cibi: biscotti, torte, focacce, paste dolci, brioches, croissants, caramelle, cioccolata, merendine, fette biscottate, marmellate, gelati, succhi di frutta, fritta sciroppata, yogurt alla frutta, yogurt bianchi addizionati di preparazioni dolciarie, salse pronte, varie bevande pronte di largo consumo, vini e liquori dolci,….. e l’elenco potrebbe continuare ancora. Per farci un’idea della enorme quantità di zucchero che consumiamo in media, basta contare le corsie di un supermercato dedicate ai cibi o bevande suddetti, e rapportarle a tutte le corsie del settore alimentare: siamo più vicini al 20% o al 30% ? Ipotizzando per difetto che oggigiorno anche solo il 10% delle calorie che introduce un occidentale medio sia costituito da zucchero raffinato, non potrebbe questo spiegare il continuo aumento negli ultimi decenni non solo dell’osteoporosi, ma di varie altre degenerazioni ossee, come la carie dentaria o la fragilità ossea (tendenza alle fratture in seguito a traumi di minima entità) ?

COSA FARE ALLORA?

Cosa fare dunque per prevenire e possibilmente per guarire l’osteoporosi ? Per prima cosa mangiare meno zucchero raffinato ! Controlliamo sempre gli ingredienti di ogni prodotto alimentare confezionato: se tra essi vediamo “zucchero” o “saccarosio” , o anche “fruttosio” o “zucchero di canna”, non acquistiamo quel prodotto ! Infatti il fruttosio è anch’esso una sostanza chimica pura, e lo zucchero di canna è troppo impoverito di elementi essenziali alla vita per poter essere considerato innocuo per la salute. Ovviamente, chi ama mangiare qualcosa di dolce, potrà farlo – e con tutto vantaggio per la sua salute – con i cibi naturali che contengono anche saccarosio o glucosio oltre alle altre cento sostanze suddette, come il miele e i frutti dolci (ananas, uva, pesche, etc.), naturalmente biologici !

LO ZUCCHERO RAFFINATO (SACCAROSIO) È IL PIÙ IMPORTANTE CIBO NON NATURALE CHE INTRODUCIAMO ABITUALMENTE !

 

 

 

 

 

 

Change language: Inglese Francese