COME PROCEDERE IN CASO DI MAL DI PANCIA

MAL DI PANCIA, UN SINTOMO MOLTO FREQUENTE

Il mal di pancia (dolore addominale) può avere moltissime varianti (ad esempio il dolore nella parte alta e centrale dell’addome viene spesso chiamato anche mal di stomaco) e moltissime cause, ed è ovvio che in caso di mal di pancia cronico occorre rivolgersi ad un gastroenterologo, che ordinerà gli esami più opportuni per giungere possibilmente ad una diagnosi di malattia. Diagnosi che non sempre è possibile, perché in vari casi non si riesce ad identificare in modo sicuro la malattia responsabile del mal di pancia. L’intestino, con gli organi addominali che lo circondano, costituiscono infatti un sistema così complesso, che nemmeno con i più sofisticati strumenti diagnostici moderni si è riusciti ad esplorarlo nei suoi più minuti particolari.

mal di pancia

MOLTE MALATTIE DANNO MAL DI PANCIA

Le malattie – non solo gastroenterologiche –  che possono causare mal di pancia sono numerosissime, e solo in questo sito ne ho descritto alcune tra quelle gastroenterologiche più diffuse. Esse sono: colite spastica. colite ulcerosa, colon irritabile, diverticoli, diverticolite, ernia iatale, reflusso gastroesofageo, gastrite, Morbo di Crohn, ulcera duodenale. Se vi è stata diagnosticata una di queste malattie, troverete degli utili consigli per curarla nella pagina corrispondente. Se, invece, vi è stata diagnosticata un’altra malattia, se volete potete contattarmi per telefono o mail, naturalmente senza alcun impegno da parte vostra, ed io se posso cercherò di darvi qualche altro consiglio. Ma, nel caso in cui non si sia arrivati ad una diagnosi precisa, posso qui darvi un consiglio generico, che può essere seguito senza alcun pericolo e con un certo beneficio mentre si continuano gli altri eventuali esami.

UN CONSIGLIO GENERICO PER IL MAL DI PANCIA

Si tratta di sottoporsi ad alcuni brevi digiuni, opportunamente distanziati l’uno dall’altro. Infatti, in caso di mal di pancia di causa incerta,  per migliorare il sintomo non vi è un mezzo più innocuo e più sicuro che quello di mettere a totale riposo l’apparato digerente, cioè di digiunare. La procedura è semplicissima. Si sceglie un giorno in cui ci si può veramente riposare, ossia mettere a riposo non solo l’apparato digerente, ma anche i muscoli e la psiche. Dunque è meglio un giorno in cui non si lavora e non si è soggetti ad altri stress. Quindi, per tutto il giorno, non si mangia nulla di solido o di calorico, ma si può bere a volontà liquidi acquosi naturali, in primo luogo acqua di sorgente montana, ma anche brodi di verdura o tisane di erbe preparati con quell’acqua. La quantità totale di acqua non deve superare il litro e mezzo al giorno, per non affaticare inutilmente il cuore ed i reni. Si deve stare per alcune ore sdraiati o seduti per risparmiare energie, ma per contro è indispensabile fare alcune brevi passeggiate all’aria pura. Per il resto ci si può dedicare a occupazioni leggere e rilassanti a piacere.

Il giorno di digiuno si ripete una volta alla settimana per alcune volte, finché si nota un miglioramento del mal di pancia. Quindi, se volete, telefonatemi o mandatemi una mail senza impegno, per vedere se mi è possibile trovare un procedimento che porti ad un ulteriore miglioramento, possibilmente stabile.

IL RIPOSO È INDICATO PER QUALUNQUE MALATTIA, IN PARTICOLARE PER LE MALATTIE INTESTINALI!

 

Change language: Inglese