COME COMBATTERE I GIRAMENTI DI TESTA

LA CAUSA DEI GIRAMENTI DI TESTA

giramenti di testa o capogiro labirintite – che hanno molto in comune con le vertigini e gli sbandamenti, e che possono sfociare nella sindrome di Ménière – sono  disturbi fastidiosissimi, che preoccupano molto chi ne è colpito. A mio avviso una delle cause più frequenti di questi disturbi è la presenza nel sangue di alcoli a lunga catena di carbonio, che provengono dalla fermentazione intestinale dei cibi carboidratici. Il nervo vestibolare dell’orecchio di alcuni soggetti – nervo che gestisce il senso dell’equilibrio posizionale del corpo – viene irritato con particolare facilità da questi alcoli, e così si spiega la sgradevolissima sensazione di “vedersi girare la stanza intorno” anche da chi sta sdraiato nel suo letto.

giramenti di testa

PER I GIRAMENTI DI TESTA, MENO CARBOIDRATI A CENA!

Dato che sono i carboidrati mangiati a cena quelli che tendono a fermentare maggiormente nell’intestino – a causa dei movimenti peristaltici che rallentano durante la notte – il primo consiglio che do a chi soffre per i giramenti di testa è di ridurli fortemente nel pasto serale. I cibi carboidratici sono tutti i cibi vegetali (frutta, ortaggi e cereali), più lo zucchero raffinato e il miele. Quindi provate a mangiare alla sera, ma con moderazione, solo cibi animali (carne, pesce, uova, formaggi, yogurt, però non latte che contiene il carboidrato lattosio), accompagnati da non più di 30 grammi di pane. Se lo desiderate, potete anche sorseggiare un bicchiere di buon vino. Infatti il vino non fermenta più nell’intestino, dato che i carboidrati che erano contenuti nell’uva sono fermentati tutti nel tino e si sono trasformati in alcol etilico, e l’alcol etilico non può più fermentare. Però – ovviamente – se si beve troppo vino l’alcol etilico aumenta eccessivamente nel sangue, e in alta concentrazione anch’esso può provocare giramenti di testa, come tutti sappiamo. Dopo aver fatto questa prova, se volete, contattatemi per dirmi il risultato.  Per rafforzare e rendere più stabile il buon risultato ottenuto, io di solito consiglio di fare una Cura Mayr, ma occorre esaminare bene il vostro caso  individuale per vedere se essa è veramente indicata per voi.

E RICORDATEVI: CHI SA GESTIRE LA SUA ALIMENTAZIONE, SA GESTIRE LA SUA SALUTE !