COME RISOLVERE LA CISTITE

I SINTOMI DELLA CISTITE

Molti di noi conoscono i disturbi della cistite: bruciori urinari, senso di dolore e tensione nella regione della vescicastimolo ad urinare frequentemente piccole quantità di urina, fastidio diffuso alla parte bassa dell’addome, talora pus e sangue nell’urina alla fine dell’urinazione. Naturalmente in questo caso occorre rivolgersi ad un urologo, che farà le indagini diagnostiche e prescriverà le cure appropriate. In questa pagina intendo unicamente far conoscere la relazione causale esistente tra alcuni disturbi urinari, in particolare la cistite, e la intossicazione, ossia la presenza di sostanze tossiche nell’urina, che irritano la vescica, e indicare un metodo naturale per cercare di avere un certo sollievo.

cistite

IL DIGIUNO, SOLLIEVO IMMEDIATO PER LA CISTITE

La cura preliminare della cistite da me proposta – che si può fare come primo approccio mentre vengono effettuate le indagini strumentali e di laboratorio per approfondire il vostro caso – è il digiuno, che considero la miglior cura disintossicante in assoluto. Provate a digiunare per uno o al massimo due giorni, cioè bevete solo acqua di sorgente montana, oppure tisane o brodo di verdura, astenendovi da ogni cibo o bevande di altro tipo. Per far questo scegliete dei giorni in cui potete veramente riposarvi, cioè stare prevalentemente a casa dedicandovi a qualche piccola occupazione fisica o intellettuale, e inserite  nel corso della giornata una o due brevi passeggiate all’aria pura. Il giorno dopo il digiuno potete ricominciare a fare una vita del tutto normale, mangiando ciò che desiderate.

Non dovete preoccuparvi di eventuali piccoli disturbi che si possono presentare nel secondo giorno, come mal di testa, stanchezza, sudore maleodorante, lingua biancastra, diarrea: essi sono proprio i segni della “crisi di disintossicazione”. Questa crisi non deve costituire un motivo per interrompere il digiuno, ma anzi deve essere valutata positivamente, perchè ci dice che il corpo sta disintossicandosi: essa è in realtà una “crisi di guarigione” ! Tenete però presente che l’auspicato miglioramento della cistite non si instaura appena finito il digiuno, ma di solito dopo alcuni giorni.

digiuno per cistite

LA CURA MAYR COME PREVENZIONE DELLA CISTITE

Il digiuno breve fa parte integrante della Cura Mayr, e di solito viene fatto all’inizio di tale cura, per una durata variabile da uno a tre giorni. La Cura Mayr, come potete vedere in questa pagina del mio sito, comprende varie altre tecniche terapeutiche (la prima delle quali è una dieta altamente personalizzata),  ed è a mio avviso uno dei migliori metodi per prevenire ulteriori attacchi di cistite, proprio perché essa riduce stabilmente al minimo la produzione di tossine endogene che si riversano nell’urina.

E RICORDATEVI: CHI IMPARA A PRATICARE IL DIGIUNO NEL MODO GIUSTO, VIVRÀ BENE E A LUNGO !

 

Change language: Inglese Francese