ASMA: SINTOMI E CAUSE

Com’è noto l’asma bronchiale, si manifesta con un respiro difficile, quasi come se la respirazione fosse bloccata, un sibilo o fischio durante l’espirazione, un senso di oppressione e talvolta dolore al petto, e tosse soprattutto di notte. Voglio ora consigliare un primo approccio terapeutico per chi soffre, più in generale, di difficoltà di respirazione. Tale approccio si fonda sull’ipotesi che siano determinate sostanze tossiche a provocare, o accentuare, gli spasmi bronchiali responsabili del respiro difficile. Pertanto la misura che indico è proprio finalizzata a “disintossicare” i bronchi, i polmoni e l’organismo in generale.

respiro

PER MIGLIORARE L’ASMA: ARIA PURA!

A chi soffre di respiro difficile è ben noto il beneficio che apporta il respirare aria pura. Ma molti malati di asma e di altri disturbi respiratori non sanno l’importanza di respirare aria pura anche di notte.  Infatti i polmoni, durante l’espirazione, non emettono solo anidride carbonica, ma anche vari gas tossici che erano accumulati nel corpo. Pertanto soprattutto l’asmatico deve sempre dormire con la finestra aperta, spalancata d’estate, socchiusa d’inverno. Naturalmente d’inverno la camera deve essere sufficientemente riscaldata, e si deve stare ben coperti nel letto. L’aria fresca che entra dalla finestra crea un leggerissimo vortice, che però non disturba il dormiente. Si noti che è molto meglio aprire una finestra della propria camera, anziché quella di una camera vicina. Chi si preoccupa dell’aria inquinata esterna, pensi che diventa ancora più inquinata se ad essa si aggiungono i gas tossici espulsi dai polmoni!

asma

UN METODO RISOLUTIVO PER L’ASMA: LA CURA MAYR

Un certo beneficio per chi soffre di respiro difficile si sentirà già al primo risveglio. Naturalmente questa misura non è sufficiente a guarire del tutto un’asma, ma rappresenta un primo passo, tutt’altro che trascurabile. Per proseguire sulla via della guarigione, occorre un’attenta valutazione del caso specifico, perché esistono tanti tipi di asma. Io ho notato che l’asmatico ha sempre un deciso miglioramento se si sottopone ad una Cura Mayr, una magnifica cura disintossicante. Per chi ha difficoltà respiratorie, pur non essendo ancora asmatico, può essere molto utile fare per qualche settimana la Dieta Mayr, che descrivo nel mio libro omonimo. Questa dieta è quella che si fa nella prima settimana della  Cura Mayr. Essa NON  è una dieta dimagrante, ma l’inizio di un gradevolissimo percorso – quello della cura appunto – che porta dopo circa due mesi ad uno stato di benessere e di piena salute mai conosciuti prima. Durante la cura si fanno anche degli speciali esercizi respiratori, ideati dal medico tedesco Heinrich Egenolf, che hanno lo scopo di rilassare i bronchi.

dieta mayr per asma

CONTATTO

Dr. Paolo Cataldi

info@paolocataldi.com

Tel. 0118609870

Cell. 3395682550

RICORDATEVI: BASTANO PICCOLI CAMBIAMENTI NELLA VITA PER STARE MOLTO MEGLIO O MOLTO PEGGIO DI SALUTE !

Change language: Inglese Francese Tedesco