COME AFFRONTARE IL DOLORE NEL MODO MIGLIORE

IL MAL DI SCHIENA E GLI ALTRI DOLORI REUMATICI

In questa pagina voglio accennare ad un metodo, il digiuno, che è stato usato dai più grandi medici del passato – primo tra i quali il grande Ippocrate – per curare tutti i tipi di dolori reumatici (reumatismi), siano essi mal di schiena (lombalgia), oppure dolori alle anche, alle ginocchia, nella zona cervicale, alle spalle, ai gomiti, o  alle mani e ai piedi. Di tutti questi dolori reumatici oggigiorno i più diffusi sono sicuramente il mal di schiena e il dolore cervicale, tanto da essere considerati una delle prime cause di assenza dal lavoro per malattia.

mal di schiena

PER IL MAL DI SCHIENA PENSATE PRIMA AL DIGIUNO!

Il digiuno è stato anche praticato e prescritto dai fondatori delle maggiori religioni, quali Mosè, Gesù Cristo, Maometto e Budda, come pratica per migliorare non solo la salute fisica, ma anche quella spirituale. In passato si usavano digiuni di lunga durata, fino a quaranta giorni, ma i nostri avi possedevano una robustezza fisica che oggi non abbiamo più, per cui dobbiamo accontentarci di digiuni molto più brevi.

Io consiglio il digiuno breve – diciamo non superiore ai tre giorni – quale terapia di attacco a ogni tipo di dolori reumatici.  Nel digiuno ci si deve astenere da tutti i cibi e bevande contenenti calorie. L’acqua di sorgente montana, le tisane e i brodi di verdura, che contengono in prevalenza sali minerali, sono invece consentiti, ma non più di un litro e mezzo al giorno, per non affaticare il cuore ed i reni. Nel caso dei dolori reumatici, che sono spesso fortemente cronicizzati, per avere un risultato apprezzabile io consiglio di fare un digiuno di due giorni per almeno cinque o sei volte, a distanza non meno di due settimane l’uno dall’altro, per non indebolirsi troppo. Nel caso di un mal di schiena o di un dolore cervicale piuttosto recenti si può bensì notare un miglioramento già dopo il secondo digiuno, ma in altri casi più inveterati occorre avere più pazienza e costanza. I giorni più opportuni per digiunare sono, per quasi tutti, il sabato e la domenica. In quei giorni bisogna riposare il corpo e lo spirito, ma si può senz’altro dedicarsi a qualche leggera occupazione fisica o intellettuale. Inoltre è bene fare due piccole passeggiate al giorno all’aria pura.

PER DOLORI REUMATICI E IL MAL DI SCHIENA È MOLTO INDICATA LA CURA MAYR!

Il primo giorno dopo il digiuno conviene mangiare piuttosto poco, e d’altronde si vedrà che si ha molto meno appetito di quanto si potesse immaginare. L’appetito torna di solito al secondo e ancor più al terzo giorno, e allora si può ricominciare a mangiare normalmente, lasciandosi guidare dall’istinto. Qualunque dubbio vi sorga riguardante la conduzione del digiuno e la dieta successiva, se lo desiderate potete mandarmi una mail, descrivendomi la storia del vostro disturbo, ed io cercherò di darvi una risposta – naturalmente senza alcun impegno da parte vostra – che sia adatta al vostro caso. Una cura anche molto indicata per risolvere vari dolori di tipo reumatico, in particolare per il mal di schiena,  è la Cura Mayr, che inizia sempre con un breve digiuno. La Cura Mayr ha un’importante valenza educativa e preventiva, perché induce il paziente ad impostare un’alimentazione corretta per tutta la vita, tale da prevenire nel modo migliore la ricaduta nei dolori reumatici. Una trattazione approfondita di questa cura viene data nel mio libro Dieta Mayr, reperibile in tutte le librerie italiane.

dieta mayr per mal di schiena

E RICORDATEVI: CHI IMPARA A DIGIUNARE OGNI TANTO NEL MODO GIUSTO, VIVRÀ PIÙ A LUNGO E MEGLIO !

 

Change language: Inglese Francese